Archivi tag: sfoglia

Strudel prugne e albicocche

con sfoglia al farro.

Consigli nutrizionali al termine della ricetta.

WP_20150703_002

Estate, stagione di frutta! e spessissimo la frutta troppo matura si butta via o al massimo si fa una macedonia… Intanto vorrei sottolineare l’importanza del “non si butta via nulla in cucina”… soprattutto quest’anno con il messaggio lanciato dall’EXPO di Milano; inoltre, la frutta matura è perfetta per un’infinità di ricette: per esempio per preparare le marmellate (anche di frutta mista vengono benissimo), da usare frullata nelle torte soffici (anche per addensare e sostituire alcune uova), oppure potete preparare questo strudel, un po’ rivisitato!

RICETTA

Preparazione: 20 minuti + 20 minuti di riposo della sfoglia – Cottura 30 minuti – Difficoltà: facilie

Ingredienti:

  • 100g di farina di farro
  • acqua tiepida
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 200g di prugne e albicocche mature snocciolate
  • una manciata di uvetta ammollata in acqua o liquore
  • una manciata di pinoli
  • biscotti secchi sbriciolati
  • 1 cucchiaio di malto d’orzo o di riso

Preparazione:

Iniziate preparando la sfoglia: impastate la farina con l’olio e l’acqua tiepida, quanto basta per ottenere una pasta morbida. Formate una palla e lasciate riposare a temperatura ambiente per almeno 20 minuti.

Preparate il ripieno: in una ciotola schiacciate la frutta matura con una forchetta, mescolate con i pinoli, l’uvetta ammollata e i biscotti sbriciolati. Preriscaldate il forno a 180°C.

Stendete la sfoglia sottile su un piano infarinato, trasferitela su una teglia rivestita con cartaforno e farcite (non arrivate fino al bordo!). Chiudete la sfoglia (figura 1).

1
1

Sciogliete il malto con un cucchiaio di acqua calda e spennellate la superficie dello strudel. Poi praticate dei tagli sulla sfoglia per permettere al vapore di fuoriuscire (figura 2).

2
2

Infornate e cuocete per circa 30-35 minuti. Al termine della cottura lasciate intiepidire (figura 3).

3
3

Servite lo strudel tiepido, magari con una pallina di gelato 😉

WP_20150703_002

Consigli nutrizionali: Le PRUGNE. In questa stagione non c’è che l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda la frutta. Ovviamente il modo migliore per consumarla è cruda o come frullato o centrifugato, ma possiamo anche utilizzarla in molte ricette, cercando di rispettare gli ingredienti e non sottoporli a cotture troppo “stressanti”. In questa ricetta le prugne non sono precotte e con la cottura in forno si possono mantenere alcune delle ottime proprietà:

  1. aiutano la regolarità intestinale
  2. il succo della prugna protegge la funzionalità del cuore
  3. aumentano il senso di sazietà e la regolazione degli zuccheri nel sangue
  4. forniscono vit. B2 (che resiste abbastanza bene alla cottura)

Purtroppo altre vitamine e minerali diminuiscono molto durante la cottura, quindi… mangiate tanta frutta e verdura cruda!!

A presto 🙂

Annunci

Millesfoglie ai mirtilli e semi di papavero

con crema pasticcera allo zafferano.

P1040707

 

Consigli nutrizionali al termine della ricetta.

Con questo dessert, vi assicuro, farete un figurone! In più è anche veloce e si può preparare in anticipo 😉 Non avete mai usato i semi di papavero? Leggete fino alla fine e scopritene le ottime proprietà!

RICETTA

Preparazione: 20 minuti circa – Cottura: 15 minuti per la sfoglia + la preparazione della crema – Difficoltà: Media

Ingredienti:

crema pasticcera e rotolo di pasta sfoglia (preparate come indicato nelle preparazioni d i base)
mezza bustina di zafferano
mirtilli
semi di papavero

Preparazione:

Stendete la pasta sfoglia a ritagliate dei rettangoli, più o meno della stessa grandezza (foto 1). Con le strisce avanzate, io ho preparato dei riccioli decorativi, arrotolando le strisce su cucchiai di legno. Cospargeteli di zucchero ed infornate a circa 180°200°C.

1
1

Quando saranno gonfi e dorati, lasciateli raffreddare.

Per la crema pasticcera allo zafferano, procedete come indicato nella ricetta base, sciogliendo la polvere di zafferano nel latte, quando lo riscaldate, diventerà bella gialla 😉

A questo punto possiamo costruire il nostro dessert! Sul fondo del piatto mettete un cucchiaino di crema per farvi aderire la prima sfoglia. Poi aggiungete un cucchiaio di crema, qualche mirtillo e coprite con la seconda sfoglia. Potete fare 2 o 3 strati, finite poi con crema pasticcera, mirtilli e spolverate con i semi di papavero.

Servite e gustate!

P1040705

 

…carina la forchetta nel ricciolo 🙂

Consiglio: potete preparare tutti gli ingredienti in anticipo, ma poi assemblate il tutto alla fine, altrimenti rischierete di avere delle sfoglie molli e non croccanti. Al posto dei mirtilli, potete anche usare altri frutti di bosco!

Consigli Nutrizionali: questi dessert sono molto golosi e, a contrastare i “peccati di gola” che abbiamo commesso con la crema pasticcera e le sfoglie (non propriamente dietetiche), troviamo le ottime proprietà dei mirtilli e dei semi di papavero.

Sveliamo qualcosa sui questi semini: i semi, in generale, sono un po’ sottovalutati e sconosciuti nella nostra cucina. Conosciamo bene i semi di sesamo, magari di zucca, ma pochi consumano i semi di papavero, di girasole o di lino (quelli che rendono i capelli morbidi 😉 ). In realtà, dovremmo abituarci a consumarli più spesso, infatti i semi (e i germogli) sono i responsabili della riproduzione delle piante e quindi ricchi di vitamine e minerali. Le sostanze antiossidanti presenti proteggono dai radicali liberi e dallo stress ossidativo.

I semi di papavero possono essere bianchi o neri e, come tutti i semi oleosi, sono una fonte di grassi “buoni”. Tra i minerali troviamo una preziosa riserva di manganese, calcio, acido linoleico (Omega 6) e vitamina E. Il contenuto di calcio è un valido aiuto per la salute di denti e ossa, soprattutto per le donne in menopausa; inotre, sono spesso utilizzati come rimedio naturale contro ansia e stress, in quanto hanno infatti un blando effetto sedativo e calmante per il sistema nervoso.

A presto! 🙂