Archivi tag: senza latte

Crostata estiva e leggera

una “nuova” pasta frolla e tanta frutta fresca per un momento di dolcezza.

WP_20150619_003

Consigli nutrizionali al termine della ricetta.

La ricetta per questa pasta frolla, senza uova e senza burro, mi è stata consigliata dalla dietista Michela Barducco. Ho completato questa sana e gustosa base con una crema fresca e frutta di stagione, per una merenda o un fine pasto nutrizionalmente completo e ricco di gusto.

Adatta ai bambini, agli intolleranti o allergici… in realtà perfetta per tutti, perché è giusto mangiare sano, gustoso ed apprezzare tutti i fantastici ingredienti che le stagioni ci offrono!

RICETTA

Preparazione: 5 minuti + 1 ora in frigo – Cottura: 30-40 minuti – Difficoltà: facile

Ingredienti

  • 200g di farina 00
  • 50g di farina di farro integrale (o di segale)
  • un pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di cremortartaro + 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 60g di malto d’orzo o di riso o miele
  • 60ml di olio evo o di mais
  • 70ml di acqua tiepida

Per la farcitura:

  • 100g di ricotta fresca
  • 100g di yogurt greco
  • 2-3 cucchiai di zucchero di canna
  • curcuma (a seconda di quanto volete colorare la crema)
  • frutta fresca
  • gelatina o (meglio) agar agar

Procedimento

In una ciotola mescolate tutti gli ingredienti per la base, formate una palla e tenete in frigo per almeno 1 ora (figura 1).

WP_20150618_004
1

Trascorso il tempo, preriscaldate il forno a 180°C e ungete ed infarinate una teglia da forno. Cuocete la base per circa 35-40 minuti poi lasciatela raffreddare (figura 2).

2
2

Preparate la crema amalgamando gli ingredienti, stendetela sulla base e poi posizionate la frutta (foto 3 e 4).

3
3
4
4

Se volete preparate la gelatina (o l’agar agar), versatela sulla torta e tenete in frigorifero.

Buon (sano) appetito 🙂

WP_20150619_004

WP_20150619_009

Consigli nutrizionali:

Cremortartaro: questo agente lievitante è un sale acido chiamato anche bitartrato di potassio. Se addizionato con il bicarbonato di sodio diventa una valida alternativa al lievito chimico (in quanto non contiene stabilizzanti di origine animale), rendendo soffici gli impasti in modo naturale. Molto utilizzato nei paesi anglosassoni, è praticamente insapore e inodore, inoltre particolarmente leggero e digeribile!

Yogurt Greco: anche yogurt viene prodotto a partire dal latte con l’aggiunta di due batteri: lo Streptococcus thermophilus e il Lactobacillus bulgaricus. Grazie al processo di fermentazione, si ottiene lo yogurt. Lo yogurt viene poi filtrato con una garza, che permette alla parte liquida del siero del latte di defluire. Mentre lo yogurt normale viene filtrato due volte, quello greco subisce tre filtrazioni per rimuovere una quantità maggiore di siero. Ecco perché lo yogurt greco è di una consistenza più densa e cremosa. Grazie a questo terzo passaggio cambiano i valori nutrizionali dello yogurt greco: contiene infatti meno siero, meno lattosio, meno sodio e meno zuccheri rispetto allo yogurt normale. E’ da preferire nelle diete iposodiche perché contiene la metà del sodio contenuto in una vasetto di yogurt normale, inoltre contiene anche la metà dei carboidrati!

Per quanto riguarda la curcuma… ne parleremo prestissimo! Questa spezie fantastica merita più attenzione ed una ricetta tutta per se 😉 Vi dico solo che grazie alle sue molteplici proprietà dovremmo imparare ad usarla molto molto più spesso!

A presto 🙂

 

Annunci

Biscotti morbidi all’avena

con farina di farro e zucchero di canna. 

Consigli nutrizionali al termine della ricetta.

WP_20150325_008

Questi biscotti sono morbidi e dolci. Adatti ai vegani, ma irresistibili per tutti! Lo zucchero di canna integrale dà una nota aromatica, la farina di farro e la crusca sono importanti per le proteine che apportano, l’avena aiuta la pressione sanguigna. Bé… con tutte queste interessanti proprietà vi sentirete meno in colpa dopo qualche dolcetto 😉

RICETTA

Preparazione: 10 minuti – Cottura: 10-15 minuti – Difficoltà: facile

Ingredienti (per circa 20 biscotti):

  • 150g di avena da cuocere*
  • 30g di crusca d’avena
  • 30g di amido di tapioca (o di mais, di riso)
  • 70g di zucchero di canna integrale
  • 50g di olio di semi
  • mezzo cucchiaino di lievito per dolci
  • un pizzico di sale

Preparazione

Preriscaldate il forno a 170°C. Intanto cuocete l’avena, scolatela e lasciatela intiepidire.Amalgamate poi in una ciotola tutti gli ingredienti, setacciando il lievito con le farine (foto 1).

1
1

Dopo aver ottenuto un composto morbido, stendetelo su cartaforno ed infornate per circa 10-15 minuti (foto 2).

2
2

Trascorso il tempo lasciate raffreddare il composto e poi tagliate i biscotti della grandezza che preferite… assaggiateli anche caldi, sono buonissimi 😉

WP_20150325_007

WP_20150325_010

*Potete anche usare i fiocchi d’avena (quindi senza bisogno di cuocerli). In questo caso se l’impasto è troppo asciutto aggiungete alcuni cucchiai di acqua.

Allergeni: glutine.

Consigli nutrizionali:  la farina di farro. Se rapportato agli altri cereali, il farro presenta un ridotto apporto calorico: infatti, il farro apporta solamente 335 Kcal per 100 grammi. Questa farina è particolarmente ricca di proteine e di vitamine B. Il farro contiene un aminoacido essenziale mancante o carente in molti altri cereali: la metionina, coinvolta nella sintesi di numerosi composti importanti per il corretto funzionamento dell’organismo. L’alimentazione a base di prodotti derivati dal farro è particolarmente indicata per chi non digerisce pane, pasta o altri prodotti costituiti da grano duro o tenero, ma non per i celiaci. La farina di farro ha un elevato contenuto di fibre che, insieme alla sua notevole capacità di assorbire acqua, lo rende un alimento saziante e leggermente lassativo.

Cookies leggeri

senza uova e burro.

WP_20141110_004

Giornata tipica di Novembre! Piove piove piove… cosa facciamo? BISCOTTI!!! E’ proprio il momento giusto… poi prepariamo un buon tè o un buon caffè e… buona merenda.

Questa ricetta è adatta ai vegani, agli intolleranti al lattosio, allergici al latte o alle uova… o a chi ama nutrirsi bene, senza rinunciare alle cose buone!

Consigli nutrizionali al termine della ricetta.

RICETTA

Preparazione: 10 minuti + 1 h in frigo – Cottura 15-20 minuti – Difficoltà: Facile

Ingredienti (per circa 20 biscotti):

  • 100g farina d’avena
  • 25g farina di mandorle (mandorle tritate)
  • 125g farina 00
  • 120g di zucchero di canna
  • 60ml olio di semi o olio evo
  • 75ml acqua tiepida
  • 6g lievito per dolci
  • gocce di cioccolato fondente

Preparazione:

Sciogliete lo zucchero e il lievito con l’acqua, in una ciotola capiente. Unite le farine setacciate, poi l’olio e amalgamate fino a completo assorbimento degli ingredienti. Aggiungete ora le gocce di cioccolato (quante volete) e amalgamate.

Coprite la ciotola con pellicola trasparente e lasciate riposare in frigo per 1 h. Preriscaldate il forno a 180°C, foderate 2 teglie con cartafono e trasferite il composto in una sac à poche perché sarà abbastanza morbido e appiccicoso.

Formate dei dischi con l’impasto, distanziati tra loro. Infornateli e quando saranno gonfi e inizieranno a scurirsi sui bordi saranno pronti! 🙂

WP_20141110_001

WP_20141110_005

WP_20141110_003

Consigli nutrizionali: variare le farine! Questa volta vorrei approfondire un concetto importante: l’utilizzo di diverse farine, diverse dalla comune 00. Molto spesso, infatti, sentiamo dire che la farina bianca fa male; ciò non è totalmente vero! Il fatto è che siamo ormai saturi di farina bianca 00, molto ricca di glutine e povera di tutti quegli altri nutrienti importanti ed interessanti, che durante il processo di raffinazione vengono persi. Abbiamo inoltre dimenticato (o mai conosciuto) i “gusti” diversi che hanno le diverse farine; possono infatti modificare il sapore dei vostri impasti, più o meno speziati, aromatici, sapidi, … Impariamo quindi a variare gli alimenti nella nostra dieta quotidiana, scoprendo le caratteristiche  e proprietà dei vari cereali, si ridurranno sicuramente anche gli spiacevoli disturbi di gonfiore o intolleranza legati alla farina bianca (che spesso ci fanno fare autodiagnosi sbagliate e dannose!).

Inoltre, esistono molte farine adatte ai celiaci, poiché senza glutine perché provenienti non da cereali. Spesso possono essere utilizzate dai celiaci invece di ricorrere sempre alle farine aglutinate provenienti da processi industriali e molto care. Per esempio scoprite la farina di mais, di grano saraceno, di quinoa, …

Dobbiamo anche imparare a consumare e conoscere il chicco di grano e le sue parti… perchè anch’esse sono commestibili e molto utili per il contenuto fibre e minerali.

Tipi di farine quali sono e quando usarli
Fonte: http://www.amando.it/casa-cucina/ricette/alimenti/tipi-di-farine-quali-sono-e-quando-usarli.html

 

Per scoprire le caratteristiche delle farine potete approfondire qui.

A presto 🙂

Mini Plum Cake alla marmellata

  con farina di riso e zucchero integrale di canna.

P1040544

Consigli nutrizionali al termine della ricetta.

Oggi mi sono svegliata con un po’ di febbre, in più fuori fa parecchio freddo…ottima combinazione per cucinare qualcosa di dolce e soffice 🙂

Ho preparato questi plum cake soffici e leggeri; sono senza glutine e senza derivati del latte, quindi possono essere consumati anche da chi non può assumere questi ingredienti. Ma attenzione, sono buonissimi e adatti a tutti!

Inoltre, cerco sempre di preparare ricette per allergici ed intolleranti usando ingredienti reperibili e possibilmente poco costosi, perché esiste una grande varietà di alimenti, combinazioni e “trucchi” per mangiare sano e gustoso anche se si ha qualche limitazione. Le allergie e le intolleranze non devono spaventarvi!

RICETTA

Preparazione: 20 minuti – Cottura: 40 minuti – Difficoltà: Facile

Ingredienti (per circa 9-10 plum cake):

  • 1 uovo
  • 100g farina di riso
  • 45g maizena (amido di mais)
  • 75g zucchero integrale
  • 125g yogurt di soia
  • 40g olio evo (extravergine d’oliva)
  • lievito per dolci 1/2 cucchiaio
  • aroma limone (o vaniglia se preferite)
  • un pizzico di sale
  • marmellata circa 3 cucchiai (gusto a piacere)

Preparazione:

Sbattere energicamente l’uovo con lo zucchero, il sale e l’aroma scelto. Il composto dovrà diventare gonfio e spumoso.

Aggiungete lo yogurt e mescolate. Setacciate poi la farina, la maizena, il lievito (foto 1).

P1040536
1

Unite ora l’olio a filo e mescolate. Preriscaldate il forno a 170°C. Versate un cucchiaio abbondante di impasto nelle forme da plum cake, poi mettete un cucchiaino di marmellata in ogni forma e coprite con l’impasto rimanente, fino ad arrivare a circa mezzo centimetro dal bordo. Infornate! (foto 2)

2
2

Dopo circa 20 minuti, se sono troppo colorati in superficie, abbassate il forno a 150°C e continuate la cottura. Controllate con lo stuzzicadenti se sono pronti, sfornateli e lasciateli raffreddare.

P1040544Buona colazione!!

Consigli: se preferite potete utilizzare uno stampo grande per plum cake; in questo caso il tempo di cottura aumenterà leggermente e, se usate uno stampo di circa 30cm raddoppiate le dosi indicate.

Questa ricetta può essere preparata anche con farina 00 e yogurt di latte parzialmente scremato o intero, bianco o alla frutta.

Io ho usato la marmellata di pesche, ma viene benissimo anche con altre marmellate! io adoro, per esempio, quella ai frutti di bosco.

Consigli nutrizionali: la maizena, o amido di mais, è un alleato dei celiaci, infatti è usato come addensante, utile nelle preparazioni senza glutine. Dal punto di vista chimico, contiene meno acqua, proteine, lipidi e fibre rispetto alle altre farine; ha più carboidrati e quindi maggior potere energetico. Abbiamo usato anche la farina di riso, anch’essa povera di proteine e lipidi ma ricca di fosforo, tiamina e niacina (rispettivamente vitamina B1 e PP). In questa preparazione aumentiamo l’apporto di fibre e minerali con lo zucchero integrale, l’apporto proteico con le uova e i lipidi con l’olio d’oliva, ricco inoltre di vitamina E.

Torta profumata al rosmarino

con zucchero di canna e miele

torta rosmarino

Ed eccoci di nuovo insieme! Devo dire che stasera ero ispirata…e volevo fare qualcosa di “particolare”. Ho deciso di abbinare il il sapore aromatico del miele con il profumo del rosmarino, poi ho aggiunto alla lista degli ingredienti diversi tipi di farine ricche di fibre. Non vedevo l’ora di tirarla fuori dal forno per assaggiarla! 🙂

Il risultato è stato molto soddisfacente! Una torta morbida, con molti sapori diversi, che però si combinano bene!

Inoltre, io amo particolarmente aggiungere diversi tipi di farine alle ricette, perché, secondo me, aggiungono una nota più decisa e particolare e permettono di assumere una maggiore varietà di vitamine e minerali. Per questa torta, comunque, potete usare anche la farina 00, al posto di quelle indicate.

RICETTA

Preparazione: 40 minuti – Cottura: 40-45 minuti – Difficoltà: media

Ingredienti (per una torta di circa 24 cm di diametro):

60g farina di grano saraceno
60g farina di farro
80g farina di riso
30g olio evo (extravergine d’oliva)
100g zucchero grezzo di canna
80g miele d’acacia (o rosmarino)
2 mele renette
2 uova
un cucchiaio di aghi di rosmarino tritati
1/2 bustina di lievito per dolci (circa 8g)

Preparazione:

Sbucciate le mele e tagliatele a pezzetti. Mettetele in una casseruola con gli aghi di rosmarino e 3 cucchiai d’acqua. Lasciate sobbollire a fuoco bassissimo per 10 minuti poi spegnete e lasciate raffreddare (foto 1).

1
1

In una ciotola lavorate i tuorli con lo zucchero e il miele, aggiungete l’olio e mescolate. Lasciate da parte i bianchi.

Frullate 2 cucchiai del composto di mela e rosmarino e aggiungete poi al composto di zucchero e tuorli (foto 2). Versate le restanti mele (e rosmarino) e mescolate bene.

2
2

Aggiungete le tre farine miscelate e il lievito, sempre mescolando tra un’aggiunta e l’altra. Preriscaldate il forno a 180°C. Montate a neve ferma i bianchi ed aggiungeteli all’impasto lentamente, mescolando dall’alto verso il basso, per non smontarli (foto 3).

3
3

Versate il composto nella teglia imburrata o foderata con carta forno (meglio una teglia a cerniera). Infornate per 40-45 minuti, senza aprire MAI il forno almeno per i primi 20 minuti.

Trascorso il tempo provate la cottura con uno stuzzicadenti. Spegnete il forno e lasciate raffreddare prima di togliere dalla teglia.

Sentirete un profumo che avvolge tutta la cucina…e non vedrete l’ora di assaggiarla!

P1040489

Consigli: potete preparare una glassa sciogliendo 100g di zucchero a velo e 2 cucchiai di acqua molto calda. Quando la consistenza è vischiosa  la glassa è pronta. Versatela sulla torta raffreddata e cospargetela con fiori di rosmarino. Il risultato sarà molto dolce e scenografico!

Consigli nutrizionali: questa torta presenta l’utilizzo di grasso vegetale (olio evo) e quindi limita l’assunzione di grassi animali, più difficili da digerire. L’utilizzo di diverse farine non raffinate permette l’assunzione di un maggior contenuto di fibre e di nutrienti come minerali (calcio, fosforo, potassio, magnesio zinco, manganese e ferro) e vitamine (B1, B2, B3, B5, B6 e E). L’aggiunta del miele permette di aumentare le proprietà antiossidanti e antinfiammatorie!

Ma la maggior caratteristica di questa torta è che è senza latte e derivati, quindi può essere liberamente consumata dalle persone intolleranti al lattosio e allergiche alle proteine del latte!

Di seguito trovate la tabella nutrizionale della ricetta, con le indicazioni per una porzione:

Con questa ricetta partecipo al “Non-contest di Ricette Calorie“.

Lettura consigliata: “Una tisana al rosmarino“, di Daniela Dell’Oca.