Archivi tag: mele

Sbrisolona alle mele

con cannella e zucchero di canna.

WP_20141128_008

Consigli nutrizionali al termine della ricetta.

Questa torta è un po’ una rivisitazione della celebre Sbrisolona, ma con la dolcezza delle mele (o delle pere se preferite) e l’aroma di cannella, che creerà un’atmosfera calda e quasi…natalizia 😉

RICETTA

Preparazione: 15 minuti – Cottura 35-40minuti – Difficoltà: facile

Ingredienti (per circa 8 persone):

  • 4 mele (o pere)
  • 50g di zucchero di canna
  • 2 cucchiai di maizena
  • 1 cucchiaio di cannella
  • 400g di farina 00
  • 150g di zucchero semolato
  • 100g di burro freddo a pezzetti
  • 2 uova
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci
  • aroma di limone (o 1 cucchiaino di limoncello)
  • un pizzico di sale

Procedimento:

Iniziate sbucciando le mele, tagliatele a pezzetti, aggiungete la maizena, lo zucchero e la cannella. Mettete il composto in un pentolino e cuocete per circa 10 minuti, mescolando di tanto in tanto (foto 1). Spegnete il fuoco e lasciate intiepidire.

1
1

Preriscaldate il forno a 180°C. Iniziate ora a preparare la frolla: in una terrina setacciate la farina e il lievito. Aggiungete poi  lo zucchero, il burro e le uova leggermente sbattute. Unite il sale e l’aroma di limone. Lavorate con la punta delle dita fino ad ottenere un composto sabbioso (foto 2).

2
2

Imburrate ed infarinate una teglia (con farina di riso se l’avete), distribuite un po’ più di metà composto sulla base della teglia, compattando con le dita. Aggiungete le mele e coprite tutta la superficie, poi completate con l’altra parte della frolla, come copertura.

Infornate per 35-40 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare.

WP_20141128_005

WP_20141128_007

 

Cospargete con poco zucchero a velo e servite. Questa torta è ottima se servita tiepida… magari accompagnata con crema inglese, crema pasticcera o gelato alla cannella!!

Buon appetito 🙂

Per quanto riguarda i consigli nutrizionali per questa golosa torta, possiamo ricapitolare gli ingredienti utilizzati e già mixati in altre ricette: il burro, lo zucchero di canna, le uova e… le mele! Ognuno di essi ha personalità e caratteristiche diverse, e per ognuno non bisogna esagerare (anche per le mele!). L’alimentazione sana e corretta è basata su un giusto stile di vita e sul variare tra loro i cibi, tenendo conto delle proprie esigenze!

A presto con una nuova, golosa e sana ricetta! 😉

 

“Tarte Tatin” di pane e mele

P1040753

Consigli nutrizionali al termine della ricetta.

Questa ricetta nasce come “riciclo goloso” 🙂 Chi di voi non ha mai avuto un po’ di pane secco in casa? Si può riutilizzarlo in molti modi, per esempio possiamo grattuggiarlo oppure preparare crostini per la minestra. Qui vi propongo una ricetta per preparare un dolce sano e sfizioso, senza sprecare neanche una briciola di pane!

RICETTA

Preparazione: 30 minuti – Cottura: 30 minuti – Difficoltà: media

Ingredienti (per circa 4-5 tortine):

  • 50-60g di pane secco
  • 20g zucchero integrale di canna
  • 1 uovo
  • latte scremato (o bevanda alla soia) q.b.
  • 2 mele renette
  • succo di mezzo limone
  • cannella – zenzero – cardamomo
  • 3-4 cucchiai di zucchero di canna

Preparazione:

Mettete il pane a pezzi in una ciotola e versate il latte fino a coprirlo per metà. Dopo circa 15-20 minuti controllate se si è ammorbidito e, se necessario, aggiungete ancora un po’ di latte (foto 1).

1
1

Nel frattempo, tagliate la mela a spicchi, mettetele in un piatto, versate il succo di limone e le spezie che preferite. Coprite e lasciate riposare per mezz’ora (foto 2).

2
2

Preriscaldate il forno a 190°C. Quando il pane si è ammorbidito aggiungete lo zucchero e l’uovo sbattuto. Amalgamate bene e versate due cucchiai di impasto in coppapasta posati su cartaforno (io non avevo i coppapasta, cosi ho usato le formine grandi per biscotti). Infornate e cuocete per circa 20 minuti (foto 3).

3
3

Sfornate i tortini e lasciate raffreddare. Fate sciogliere lo zucchero di canna sul fondo di una padella, scolate le mele e, quando lo zucchero inizierà a caramellarsi, posizionate le fette di mele fino a coprire tutta la padella, se necessario terminate con un altro strato (foto 4).

4
4

Lasciate asciugare e spegnete la fiamma. Quando i tortini saranno freddi, sformateli delicatamente (foto 5)

5
5

e ricopriteli con la purea di mele. Accendete il grill del forno e fateli caramellare per 7-8 minuti.

Servite e buon appetito! 😉

P1040754

P1040757

Consigli: per una versione ancora più golosa serviteli con una pallina di gelato alla crema o alla vaniglia 😉

Consigli Nutrizionali: in questo spazio vorrei chiarire alcuni aspetti del LATTE, se avete utilizzato il latte vaccino e non la bevanda alla soia. Il latte è uno degli alimenti più nutritivi dell’alimentazione umana; inoltre, è l’unico alimento che nasce proprio per essere consumato! Ci avete mai pensato? Già…il latte materno ha il solo scopo di nutrire i neonati, tutti gli altri alimenti li abbiamo provati, scelti, analizzati e capiti!

Tornando alle proprietà del latte, in commercio ne troviamo principalmente tre tipi: quello intero, parzialmente scremato e scremato. Le differenze derivano dalla quantità di componente grassa presente. Il procedimento di scrematura è un processo fisico che sfrutta la centrifugazione, al termine del processo si può ottenere il latte parzialmente scremato (1,5-1,8g/l di lipidi) e quello scremato (0,3% di lipidi). Per quanto riguarda le tabelle nutrizionali, qui potete trovare indicazioni esaustive, vorrei sottolineare che per quanto riguarda carboidrati e proteine i valori sono pressoché uguali tra le tre tipologie, a variare sono i grassi (e quindi il valore energetico), maggiormente presenti nel latte intero. Per quanto riguarda vitamine e minerali possono, invece, aumentare nel latte con scrematura, in quanto aumenta la frazione idrosolubile. In conclusione, la scelta del tipo di latte dipende dallo stile di vita (maggiore o minore attività fisica), dalla periodo della vita (necessità diverse in caso di accrescimento o altri periodi), da speciali esigenze nutrizionali (osteoporosi, ipercolesterolemia, …) e dal gusto personale.
Bisogna, quindi, scegliere con consapevolezza, informandosi 😉

A presto!

 

Sfogliatine alle mele

con marmellata di albicocche

P1040665

Consigli nutrizionali al termine della ricetta.

Queste sfogliatine sono un classico, che potete trovare al bar all’ora della colazione, pranzo o merenda, ma oggi impareremo a farle in casa, perché sono semplici e golose e…se le farete voi, la soddisfazione sarà doppia 😉

RICETTA

Preparazione: 10 minuti + il tempo per la sfoglia – Cottura: 20 minuti – Difficoltà: Facile

Ingredienti (per circa 20 sfogliatine):

  • un rotolo di pasta sfoglia (ricetta base qui)
  • 4 cucchiai di marmellata di albicocche (o pesche)
  • 4 mele (tipo Golden)

Procedimento:

Quando la pasta sfoglia ha riposato almeno un ora in frigorifero è pronta per stenderla.

Stendete la pasta ad uno spessore di circa 3-4 mm, ritagliate dei rettangoli e posizionateli su una teglia da forno (foto 1).

1
1

Sbucciate e tagliate le mele a spicchi, abbastanza sottili, e posateli al centro dei rettangoli, lasciando una piccola cornice di pasta sui bordi (foto 2).

2
2

In un pentolino fate sciogliere, a fuoco basso, la marmellata con l’acqua e mescolate. Preriscaldate il forno a 180°-190°C.

Con un pennello da cucina, spennellate le mele ed i bordi con la marmellata, che sarà molto fluida (foto 3).

3
3

Spolverate le vostre sfoglie con dello zucchero semolato (o di canna) ed infornate per circa 20 minuti, finché lo zucchero non sarà caramellato e le sfoglie belle gonfie!

Et voilà…

P1040667

Pronte per una colazione golosa e croccante!

Consigli Nutrizionali: parliamo delle mele! E, se parliamo delle mele, a tutti verrà in mente il detto: “una mela al giorno toglie il medico di torno”. Bé, diciamo che il proverbio ha un fondo di verità!

Parliamo, per esempio, del colesterolo: aiuta a mantenerlo sotto controllo ed, inoltre, contribuisce a regolarizzare la funzionalità intestinale e tiene sotto controllo l’appetito. La sua fermentazione da parte della flora batterica intestinale, origina acidi grassi a corta catena, che avrebbero un effetto protettivo sullo sviluppo del cancro al colon!

E’ molto adatta alla preparazione di alimenti per bambini e neonati allo svezzamento, in quanto digeribile ed uno dei frutti che dà meno probabilità di sviluppare allergie. Ci sono importanti studi su quanto sia importante il consumo di frutta e verdura nei bambini ed adolescenti, per ridurre il rischio di allergie alimentari.

Infine, la mela ha un buon potere diuretico ed è indicata nei disordini del tratto gastrointestinale (diarreastitichezza e meteorismo).

Forse non tutti sanno che…i semi delle mele, contengono cianuro, anche se in quantità del tutto innocue. Il melo e le altre piante, infatti, non hanno gambe o ali, di conseguenza non possono scappare dai “predatori”; in compenso, possono difendersi elaborando sostanze tossiche per gli animali che se ne nutrono. Perciò, dal momento che “tutto è veleno, niente è veleno, la differenza sta nel la dose” molti esperti concordano che le mele si possano tranquillamente consumare conservando la buccia dopo un opportuno lavaggio; a scopo cautelativo, è meglio allontanarla se il frutto viene consumato durante la gravidanza o lo svezzamento.

Potrebbe interessarti:http://www.my-personaltrainer.it/nutrizione/mela-mele.html
 

Torta profumata al rosmarino

con zucchero di canna e miele

torta rosmarino

Ed eccoci di nuovo insieme! Devo dire che stasera ero ispirata…e volevo fare qualcosa di “particolare”. Ho deciso di abbinare il il sapore aromatico del miele con il profumo del rosmarino, poi ho aggiunto alla lista degli ingredienti diversi tipi di farine ricche di fibre. Non vedevo l’ora di tirarla fuori dal forno per assaggiarla! 🙂

Il risultato è stato molto soddisfacente! Una torta morbida, con molti sapori diversi, che però si combinano bene!

Inoltre, io amo particolarmente aggiungere diversi tipi di farine alle ricette, perché, secondo me, aggiungono una nota più decisa e particolare e permettono di assumere una maggiore varietà di vitamine e minerali. Per questa torta, comunque, potete usare anche la farina 00, al posto di quelle indicate.

RICETTA

Preparazione: 40 minuti – Cottura: 40-45 minuti – Difficoltà: media

Ingredienti (per una torta di circa 24 cm di diametro):

60g farina di grano saraceno
60g farina di farro
80g farina di riso
30g olio evo (extravergine d’oliva)
100g zucchero grezzo di canna
80g miele d’acacia (o rosmarino)
2 mele renette
2 uova
un cucchiaio di aghi di rosmarino tritati
1/2 bustina di lievito per dolci (circa 8g)

Preparazione:

Sbucciate le mele e tagliatele a pezzetti. Mettetele in una casseruola con gli aghi di rosmarino e 3 cucchiai d’acqua. Lasciate sobbollire a fuoco bassissimo per 10 minuti poi spegnete e lasciate raffreddare (foto 1).

1
1

In una ciotola lavorate i tuorli con lo zucchero e il miele, aggiungete l’olio e mescolate. Lasciate da parte i bianchi.

Frullate 2 cucchiai del composto di mela e rosmarino e aggiungete poi al composto di zucchero e tuorli (foto 2). Versate le restanti mele (e rosmarino) e mescolate bene.

2
2

Aggiungete le tre farine miscelate e il lievito, sempre mescolando tra un’aggiunta e l’altra. Preriscaldate il forno a 180°C. Montate a neve ferma i bianchi ed aggiungeteli all’impasto lentamente, mescolando dall’alto verso il basso, per non smontarli (foto 3).

3
3

Versate il composto nella teglia imburrata o foderata con carta forno (meglio una teglia a cerniera). Infornate per 40-45 minuti, senza aprire MAI il forno almeno per i primi 20 minuti.

Trascorso il tempo provate la cottura con uno stuzzicadenti. Spegnete il forno e lasciate raffreddare prima di togliere dalla teglia.

Sentirete un profumo che avvolge tutta la cucina…e non vedrete l’ora di assaggiarla!

P1040489

Consigli: potete preparare una glassa sciogliendo 100g di zucchero a velo e 2 cucchiai di acqua molto calda. Quando la consistenza è vischiosa  la glassa è pronta. Versatela sulla torta raffreddata e cospargetela con fiori di rosmarino. Il risultato sarà molto dolce e scenografico!

Consigli nutrizionali: questa torta presenta l’utilizzo di grasso vegetale (olio evo) e quindi limita l’assunzione di grassi animali, più difficili da digerire. L’utilizzo di diverse farine non raffinate permette l’assunzione di un maggior contenuto di fibre e di nutrienti come minerali (calcio, fosforo, potassio, magnesio zinco, manganese e ferro) e vitamine (B1, B2, B3, B5, B6 e E). L’aggiunta del miele permette di aumentare le proprietà antiossidanti e antinfiammatorie!

Ma la maggior caratteristica di questa torta è che è senza latte e derivati, quindi può essere liberamente consumata dalle persone intolleranti al lattosio e allergiche alle proteine del latte!

Di seguito trovate la tabella nutrizionale della ricetta, con le indicazioni per una porzione:

Con questa ricetta partecipo al “Non-contest di Ricette Calorie“.

Lettura consigliata: “Una tisana al rosmarino“, di Daniela Dell’Oca.