Archivi tag: cioccolato fondente

Torta morbida pistacchi, mandorle e cioccolato

Una vera golosità senza glutine.

WP_20150314_007

 

Questo tortino golosissimo conquisterà tutti i vostri ospiti. E’ molto aromatico, ricco di antiossidanti, senza glutine, ma attenzione a non esagerare… è difficile smettere 🙂

RICETTA

Ingredienti (per circa 6-8 persone):

  • 75g pistacchi e mandorle tritate
  • 125g cioccolato fondente extra
  • 75g burro (meglio se salato)
  • 3 uova
  • 75g zucchero di canna integrale
  • mezza bacca di vaniglia

Per la decorazione:

  • 50g burro
  • 5dl panna fresca
  • 100g cioccolato fondente extra
  • pistacchi tritati

farina di riso e burro per la teglia

Procedimento:

Imburrate ed infarinate con farina di riso una teglia da forno e ponetela in frigorifero.

Sciogliete dolcemente a bagnomaria il cioccolato e unire il burro (foto 1).

WP_20150307_003
1

 

Lavorate a parte le uova con lo zucchero e i semi di vaniglia, fino ad ottenere un composto spumoso (foto 2).

2
2

Unite poi la frutta secca tritata e il composto di cioccolato e burro. Versate il composto nella teglia, infornate in forno preriscaldato a 160°C e cuocete per circa un’ora. A cottura ultimata lasciate raffreddare e poi tenete la torta in frigorifero per circa 3 ore prima di decorare (foto 3).

3
3

Preparate poi la ganache al cioccolato: scaldate la panna e il burro, versate poi sul cioccolato a pezzetti e mescolate fino ad ottenere un composto liscio. Versatelo sulla torta fredda e lasciate raffreddare in frigo per un’altra ora. Decorate a piacere con panna montata e pistacchi… o come volete voi! 🙂

WP_20150314_003

 

WP_20150314_004

Allergeni: pistacchi, mandorle, cioccolato

Consigli nutrizionali: è necessario parlare un po’ dei PISTACCHI. Questi frutti meravigliosi e ricchissimi di proprietà importanti per il nostro organismo. Bisogna però stare attenti a non esagerare, con la frutta secca in generale, in quanto in poco peso fornisce una grandissima quantità di energia ed ha poco potere saziante; questo, tuttavia, è molto utile per gli sportivi, che hanno bisogno di energia “pronta all’uso” e non devono appesantirsi, se poi uniamo l’elevata concentrazione di minerali, questi frutti diventano un vero alimento tesoro per gli amanti dello sport agonistico e non.

Proprietà interessanti dei pistacchi: se ne mangiamo l’equivalente di una tazzina al giorno terremo lontane le malattie cardiache, diminuiremo il colesterolo LDL (quello più rischioso) e attueremo anche una valida prevenzione contro il cancro. Questi frutti sono particolarmente ricchi di antiossidanti e proteggono le cellule dai radicali liberi. Tra i minerali contengono: calcio, fosforo, potassio, ferro, zinco, magnesio, manganese, fluoro e rame. Per quanto riguarda le vitamine troviamo la vitamina A, le vitamine B1, B2, B3, B5, B6, la vitamina C e la vitamina E.

Il consumo è importante però sempre con controllo e mantenendo uno stile di vita salutare. Inoltre, scegliete quelli non salati!!

A presto 😉

Scorzette d’arancia candite

WP_20141107_002

Al cioccolato o con granella di zucchero.

Forse è ancora presto, ma sto già pensando al Natale! La preparazione delle arance candite è un po’ lunga, ma vedrete che saranno irresistibili e si diffonderà un profumo moooolto natalizio in tutta la casa! 😉

Consigli nutrizionali al termine della ricetta.

RICETTA

Preparazione: 3 giorni di ammollo + 6-8 ore per asciugare + 1 ora di finitura – Difficoltà: media

Ingredienti

  • 3-4 arance non trattate
  • zucchero semolato (pari al peso delle scorzette d’arancia) + 3-4 cucchiai per la copertura
  • acqua circa 180-200 ml per arancia
  • cioccolato fondente (facoltativo)

Preparazione:

Il primo step per la preparazione è pelare le arance a vivo e tagliare la buccia in striscioline di circa 1 cm di spessore. Immergetele in acqua fredda e lasciatele per 3 giorni (cambiando l’acqua circa ogni 8 ore), per togliere l’amaro.

Trascorso il tempo, portate ad ebollizione una pentola d’acqua, aggiungete le bucce e lasciate sobbollire per circa 20 minuti. Scolatele ed asciugatele su un panno pulito (foto 1).

1
1

Lasciate asciugare 6-8 ore, meglio ancora se al sole. Poi preparate lo sciroppo: pesate le bucce e la stessa quantità di zucchero. Mescolate 180-200 ml di acqua per ogni arancia con lo zucchero in una pentola, quando lo zucchero sarà sciolto aggiungete le scorze d’arancia e lasciate sobbollire fino a completo assorbimento dello sciroppo. Attenzione a non caramellare lo zucchero!

Quando lo sciroppo sarà assorbito, distribuite le scorzette su un piano o un vassoio e lasciatele raffreddare (foto 2).

2
2

Se volete ricoprirle con lo zucchero: quando saranno ancora tiepide mettetele in un recipiente con alcuni cucchiai di zucchero e agitate in modo da distribuire uniformemente i granelli su tutta la superficie (foto 3).

3
3

Per ricoprirle di cioccolato: lasciatele raffreddare completamente, nel frattempo fate sciogliere a bagnomaria il cioccolato, poi quando sarà arrivato a circa 30°C (servitevi di un termomentro per alimenti), immergetevi le bucce completamente o solo da un’estremità (foto 4).

4
4

Lasciate asciugare completamente il cioccolato e….. voilà le vostre golosissime scorzette sono pronte. Potete regalarle a Natale, offrirle come fine pasto elegante, decorare torte, …

WP_20141107_004

WP_20141107_003

Consigli nutrizionali: Arancia
L’arancia è una vera e propria bomba vitaminica, utilissima non solo per il suo potere antiossidante, ma anche per stimolare l’attività cerebrale, favorire la digestione, alleviare i dolori di stomaco, depurare l’organismo ed assicurare un effetto calmante, a scapito di ansia e stress.

A differenza dei mandarini (molto più calorici e zuccherini), apportano solo 34 Kcal per 100 grammi, pertanto sono indicate nei regimi dietetici che richiedono poche calorie e pochi zuccheri. Sono ovviamente presenti numerose vitamine, acqua e fibre. Questi agrumi sono famosi e apprezzati per il loro contenuto in acido ascorbico, sebbene l’apporto di vitamina C stimato in kiwi, peperoni, spinaci e fragole sia di gran lunga superiore. Tutti questi vegetali è importante consumarli il più possibile crudi, in quanto la vitamina C è termolabile!

N.B. Quando sbucci l’ arancia per mangiarla, non eliminare del tutto la pellicola bianca che si trova sotto la buccia. La fibra contenuta in questa parte del frutto regola l’assorbimento degli zuccheri, dei grassi e delle proteine, e favorisce il transito intestinale!
A presto 🙂
 

Bianco & Verde

…panna cotta alla vaniglia e pistacchi 

P1040779

Preparatela come dessert al termine di una cena speciale, come fine pasto goloso per tutta la famiglia oppure per concludere una serata tra amici… La panna cotta è sempre un classico che non vi deluderà! L’ho preparata prendendo spunta dalla ricetta di GialloZafferano e, con una semplice aggiunta, l’ho resa un po’ particolare!

RICETTA

Preparazione: 30 minuti – Cottura: 10 minuti – Difficoltà: media

Ingredienti (per 4 persone):

Per la parte bianca:

  • 1/2 bacello di vaniglia
  • 3g di colla di pesce
  • 250ml di panna
  • 75g di zucchero a velo

Per la parte verde:

  • 2g di colla di pesce
  • 150ml di panna
  • 50g di zucchero a velo
  • 40g di pistacchi tritati finemente

Preparazione:

Iniziate col preparare la parte bianca: mettete la colla di pesce a mollo in acqua fredda per 10 minuti. Tagliate la mezza bacca di vaniglia nel senso della lunghezza ed estraete i semi, che terrete da parte. Mettete la panna a scaldare in un pentolino, a fuoco basso. Aggiungete i semi di vaniglia, lo zucchero e la colla di pesce strizzata. Mescolate sempre a fuoco basso, senza far bollire (foto 1).

1
1

Quando la gelatina è completamente sciolta, filtrate con un colino, in modo da trattenere eventuali grumi e la bacca di vaniglia (foto 2).

2
2

Bagnate con acqua (o con liquore) le pareti delle formine che vorrete usare, per facilitare l’estrazione al momento di servire. Versate la panna negli stampini e mettete in frigorifero per almeno 15 minuti (potete anche lasciare in congelatore 2-3 minuti e poi trasferire in frigo).

P1040771

Dopo circa 15 minuti iniziate a preparare la parte verde del vostro dolce! Procedete come per la prima parte, senza aggiungere la vaniglia e incorporando i pistacchi tritati insieme allo zucchero. Mescolate con una frusta per evitare di creare grumi (foto 3).

3
3

Aggiungete la gelatina (immersa in acqua e strizzata) (foto 4).

4
4

Mescolate finché non è sciolta. Tirate fuori dal frigo gli stampini e versate la panna cotta verde sopra quella bianca (foto 5).

5
5

Ora rimettete in frigorifero e lasciatela riposare per almeno 5 ore prima di servirla! Potete anche prepararla il giorno prima e conservarla in frigo in un contenitore ermetico.

Al momento di servire, immergete lo stampino in acqua bollente per qualche secondo, rovesciate sul piatto e servite con miele e granella di pistacchio.

Mmm…viene l’acquolina in bocca 😉 eccola qui… bianca & verde. L’ho servita con granella di pistacchio e una sfoglia di cioccolato fondente, che potete realizzare facendo sciogliere il cioccolato a bagnomaria e creando le sfoglie su carta forno.

P1040778

P1040780

Con questa ricetta partecipo al contest di Dolci a go go:

Ti va di partecipare? Clicca sul banner

Consigli Nutrizionali: ero indecisa…parliamo dei pistacchi o della panna?…Bé…essendo l’ingrediente chiave della ricetta ho scelto la panna, ma non vi preoccupate, io adoro i pistacchi, quindi presto li ritroverete in altre ricette!

Panna: la panna o crema di latte è il prodotto che si ottiene dal latte fresco per affioramento o centrifugazione della parte grassa. Ci fa subito venire in mente qualcosa di goloso 😉 è utilizzata, infatti, per preparare soprattutto dolci e gelati ed è la materia prima per ottenere il burro. Ma è anche utilizzata per i primi piatti e per realizzare alcuni formaggi. Esistono diversi tipologie di panna, in base alla percentuale di materia grassa, e la scelta deve essere fatta considerando l’uso che intendiamo farne. Ricordiamoci che nessun tipo di panna è magra e che i nutrienti contenuti sono soprattutto grassi, quindi, ovviamente, è da consumare con moderazione! Le migliori sono comunque quelle che contengono solo panna o crema di latte, senza altri ingredienti aggiunti. Tenete presente, infine, alcuni aspetti legati alla panna di origine vegetale: se ci soffermiamo a leggere le etichette notiamo che contengono un elevato apporto di grassi idrogenati (come le margarine), inoltre contengono edulcoranti, aromi, zuccheri ed emulsionanti. Alla fine, se usata con parsimonia, è da preferire la panna animale e, in caso di allergie o intolleranze, siate consapevoli sempre di consumarla una volta ogni tanto!

Tortino piccantino…

…per San Valentino! 

P1040638

Consigli nutrizionali al temine della ricetta.

Oggi andiamo sul classico! Anche se non sono una fan sfegatata della festa degli innamorati, credo che un buon dessert dolce/piccante, in compagnia della persona giusta, sia assolutamente irresistibile! E poi, perché limitarsi al 14 Febbraio? Bisogna fare gli innamorati tutto l’anno 🙂 quindi, preparatelo quando volete, ma provateci…vi assicuro che vi leccherete il piatto per non lasciare neanche una goccia di cioccolato!

Questa ricetta è suggerita da dolcepasticceria.it, andate a curiosare! Io ho inserito alcune variazioni così il dolce è adatto anche ai celiaci.

RICETTA

Preparazione: 20 minuti + il tempo in freezer – Cottura: 15 minuti – Difficoltà: Media

Ingredienti (per 2 tortini):

  • 60gr cioccolato fondente
  • 50gr zucchero a velo (+ due cucchiai per decorare)
  • 25gr farina di riso
  • 50gr burro
  • la punta di un cucchiaino di cannella
  • un pizzico di peperoncino piccante in polvere
  • 1 uovo

Preparazione:

fate fondere il cioccolato fondente a bagnomaria, quando è morbido spegnete la fiamma e aggiungete il burro a pezzetti. Mescolate con una spatola fino ad amalgamare bene il composto (foto 1).

1
1

Prendete l’uovo e sbattetelo con la frusta finché non è chiaro e gonfio. Aggiungete lo zucchero, la cannella, la polvere di peperoncino e mescolate il tutto fino a che non avrete ottenuto un composto liscio e omogeneo (foto 2).

2
2

A questo punto incorporate il composto di cioccolato e burro e amalgamate fino a raggiungere una consistenza liscia. Incorporate ora la farina e mescolate.

Imburrate e ricoprite con cacao amaro l’interno di 2 stampini da budino. Versate dentro la crema al cioccolato (foto 3) e copriteli con carta d’alluminio. Metteteli nel congelatore per almeno due ore.

3
3

Circa 20 minuti prima di servirli, preriscaldate il forno a 180°C: Quando è arrivato a temperatura, infornateli e fateli cuocere per 15 minuti.

Togliete dal forno i tortini e serviteli a tavola guarnendoli con una spolverata di zucchero a velo e, se volete, un peperoncino per decorarli!

Il cuore morbido vi conquisterà!

P1040630

Consigli: se non amate il peperoncino potete non aggiungerlo o sostituirlo con polvere di caffè, per un’alternativa decisa! La particolarità di questo dolce sta anche nel fatto di poterlo preparare anche alcuni giorni prima e tirarlo fuori dal freezer al momento di infornarlo.

Consigli nutrizionali: la quercetina…si, oggi parliamo della quercetina! Ma cos’è? Allora, non molti la conoscono se chiamata così, ma la consumiamo molto spesso, senza saperlo. Questo pigmento è presente nella frutta e nella verdura “colorate”. Appartiene alla famiglia dei flavonoidi ed è uno degli antiossidanti più potenti nella lotta contro il cancro. Inoltre, l’associazione tra flavonoidi e vitamina C, avrebbe la capacità di ridurre la fragilità dei vasi sanguigni. Altre proprietà della quercetina sono un’azione antiossidante e antinfiammatoria.

Dove troviamo questa “buonissima” molecola? Nel peperoncino, nelle cipolle rosse, nelle mele con la buccia, nei capperi, nel cacao, nei peperoni gialli e, in modeste quantità, nel tè, nel grano saraceno, nei fagioli, nel vino rosso.

Riassumendo, i flavonodi e questa molecola in particolare, sembra abbiano ottime proprietà nel proteggere dall’insorgenza del cancro. Dobbiamo sempre ricordare, però, che è importante assumere con equilibrio e costanza alimenti di buona qualità e seguire una dieta varia (facendo attenzione anche ai “colori” degli alimenti che consumiamo!), tutto deve essere coordinato, tutti gli strumenti devono essere in sincronia, come nella migliore delle orchestre!

Per saperne di più sulla quercetina! e…tra poco vi consiglierò un’ottimo libro di ricette che vi proteggeranno!

E qui aggiungo le foto della nostra cenetta “romantica”, magari, se volete, potete prendere spunto 🙂 :

Flan di rape bianche e carciofi con aceto balsamico.
Flan di rape bianche e carciofi con aceto balsamico.
Cuoricini di gnocchi alla romana, bianchi e viola.
Cuoricini di gnocchi alla romana, bianchi e viola.

A presto… 🙂