Archivi tag: avena

Biscotti morbidi all’avena

con farina di farro e zucchero di canna. 

Consigli nutrizionali al termine della ricetta.

WP_20150325_008

Questi biscotti sono morbidi e dolci. Adatti ai vegani, ma irresistibili per tutti! Lo zucchero di canna integrale dà una nota aromatica, la farina di farro e la crusca sono importanti per le proteine che apportano, l’avena aiuta la pressione sanguigna. Bé… con tutte queste interessanti proprietà vi sentirete meno in colpa dopo qualche dolcetto 😉

RICETTA

Preparazione: 10 minuti – Cottura: 10-15 minuti – Difficoltà: facile

Ingredienti (per circa 20 biscotti):

  • 150g di avena da cuocere*
  • 30g di crusca d’avena
  • 30g di amido di tapioca (o di mais, di riso)
  • 70g di zucchero di canna integrale
  • 50g di olio di semi
  • mezzo cucchiaino di lievito per dolci
  • un pizzico di sale

Preparazione

Preriscaldate il forno a 170°C. Intanto cuocete l’avena, scolatela e lasciatela intiepidire.Amalgamate poi in una ciotola tutti gli ingredienti, setacciando il lievito con le farine (foto 1).

1
1

Dopo aver ottenuto un composto morbido, stendetelo su cartaforno ed infornate per circa 10-15 minuti (foto 2).

2
2

Trascorso il tempo lasciate raffreddare il composto e poi tagliate i biscotti della grandezza che preferite… assaggiateli anche caldi, sono buonissimi 😉

WP_20150325_007

WP_20150325_010

*Potete anche usare i fiocchi d’avena (quindi senza bisogno di cuocerli). In questo caso se l’impasto è troppo asciutto aggiungete alcuni cucchiai di acqua.

Allergeni: glutine.

Consigli nutrizionali:  la farina di farro. Se rapportato agli altri cereali, il farro presenta un ridotto apporto calorico: infatti, il farro apporta solamente 335 Kcal per 100 grammi. Questa farina è particolarmente ricca di proteine e di vitamine B. Il farro contiene un aminoacido essenziale mancante o carente in molti altri cereali: la metionina, coinvolta nella sintesi di numerosi composti importanti per il corretto funzionamento dell’organismo. L’alimentazione a base di prodotti derivati dal farro è particolarmente indicata per chi non digerisce pane, pasta o altri prodotti costituiti da grano duro o tenero, ma non per i celiaci. La farina di farro ha un elevato contenuto di fibre che, insieme alla sua notevole capacità di assorbire acqua, lo rende un alimento saziante e leggermente lassativo.

Annunci

Cookies leggeri

senza uova e burro.

WP_20141110_004

Giornata tipica di Novembre! Piove piove piove… cosa facciamo? BISCOTTI!!! E’ proprio il momento giusto… poi prepariamo un buon tè o un buon caffè e… buona merenda.

Questa ricetta è adatta ai vegani, agli intolleranti al lattosio, allergici al latte o alle uova… o a chi ama nutrirsi bene, senza rinunciare alle cose buone!

Consigli nutrizionali al termine della ricetta.

RICETTA

Preparazione: 10 minuti + 1 h in frigo – Cottura 15-20 minuti – Difficoltà: Facile

Ingredienti (per circa 20 biscotti):

  • 100g farina d’avena
  • 25g farina di mandorle (mandorle tritate)
  • 125g farina 00
  • 120g di zucchero di canna
  • 60ml olio di semi o olio evo
  • 75ml acqua tiepida
  • 6g lievito per dolci
  • gocce di cioccolato fondente

Preparazione:

Sciogliete lo zucchero e il lievito con l’acqua, in una ciotola capiente. Unite le farine setacciate, poi l’olio e amalgamate fino a completo assorbimento degli ingredienti. Aggiungete ora le gocce di cioccolato (quante volete) e amalgamate.

Coprite la ciotola con pellicola trasparente e lasciate riposare in frigo per 1 h. Preriscaldate il forno a 180°C, foderate 2 teglie con cartafono e trasferite il composto in una sac à poche perché sarà abbastanza morbido e appiccicoso.

Formate dei dischi con l’impasto, distanziati tra loro. Infornateli e quando saranno gonfi e inizieranno a scurirsi sui bordi saranno pronti! 🙂

WP_20141110_001

WP_20141110_005

WP_20141110_003

Consigli nutrizionali: variare le farine! Questa volta vorrei approfondire un concetto importante: l’utilizzo di diverse farine, diverse dalla comune 00. Molto spesso, infatti, sentiamo dire che la farina bianca fa male; ciò non è totalmente vero! Il fatto è che siamo ormai saturi di farina bianca 00, molto ricca di glutine e povera di tutti quegli altri nutrienti importanti ed interessanti, che durante il processo di raffinazione vengono persi. Abbiamo inoltre dimenticato (o mai conosciuto) i “gusti” diversi che hanno le diverse farine; possono infatti modificare il sapore dei vostri impasti, più o meno speziati, aromatici, sapidi, … Impariamo quindi a variare gli alimenti nella nostra dieta quotidiana, scoprendo le caratteristiche  e proprietà dei vari cereali, si ridurranno sicuramente anche gli spiacevoli disturbi di gonfiore o intolleranza legati alla farina bianca (che spesso ci fanno fare autodiagnosi sbagliate e dannose!).

Inoltre, esistono molte farine adatte ai celiaci, poiché senza glutine perché provenienti non da cereali. Spesso possono essere utilizzate dai celiaci invece di ricorrere sempre alle farine aglutinate provenienti da processi industriali e molto care. Per esempio scoprite la farina di mais, di grano saraceno, di quinoa, …

Dobbiamo anche imparare a consumare e conoscere il chicco di grano e le sue parti… perchè anch’esse sono commestibili e molto utili per il contenuto fibre e minerali.

Tipi di farine quali sono e quando usarli
Fonte: http://www.amando.it/casa-cucina/ricette/alimenti/tipi-di-farine-quali-sono-e-quando-usarli.html

 

Per scoprire le caratteristiche delle farine potete approfondire qui.

A presto 🙂

Croccantini all’avena con mousse di kumquat

…e kumquat caramellati 

P1040788

Mi hanno regalato alcuni kumquat…cosa preparo?? Ed ecco qui il risultato…ho preso spunto da questa ricetta, del blog Tre civette sul comò… e con un po’ di fantasia ho creato questo dolce piattino…bello e anche sano! 😉

P1040790

RICETTA

Ingredienti per i biscottini:

  • 150 g di Fiocchi d’avena
  • 50 g di Mandorle o Pistacchi (io ho usato un mix)
  • 60 g di Malto d’orzo
  • 1 Limone
  • 5 g Cannella

Ingredienti per la mousse:

  • 100 g di Kumquat
  • 100g di Tofu morbido
  • 20 g di Zucchero integrale di canna o zucchero d’acero (me l’ha portato mia sorella dal Canada!)

Ingredienti per i kimquat caramellati:

  • 20 g di Zucchero integrale di canna
  • 5 g Acqua
  • 50 g di Kumquat

Preparazione:

Prepariamo i biscotti: mettete nel mixer il malto, la frutta secca, la buccia del limone e 75 g di fiocchi d’avena. Dopo aver ottenuto un composto omogeneo, trasferite in una ciotola e unite i fiocchi restanti, il succo di limone e la cannella. Amalgamate e mettete in frigorifero per un’ora circa (foto 1).

1
1

Trascorso il tempo in frigo, preriscaldate il forno a 180°C. Stendete il composto tra due fogli di carta da forno e ritagliate i biscotti (foto 2).

2
2

Cuocete per circa 10 minuti.

Prepariamo la mousse: mettete ne mixer i kumquat privi dei semi, il tofu a pezzi e lo zucchero. Azionate, fino ad ottenere una crema morbida.

Per preparare i kumquat caramellati mettete lo zucchero e l’acqua in un pentolino, non mescolate e quando inizia a sobbollire aggiungete i kumquat tagliati a rondelle sottili e lasciate addensare 3-4 minuti circa (foto 3).

3
3

Componete il vostro piattino e… buon appetito 🙂

P1040786

P1040784

 

E…se vi avanzano i biscotti sono ottimi per una colazione sana ed energetica!

P1040789

Consigli: se non vi piacciono, o non avete i kumquat…potete utilizzare altra frutta, come frutti di bosco, pere albicocche 😉

Consigli nutrizionali: L’Avena: questo cereale è poco consumato in Italia, al contrario dei Paesi del nord Europa, ma è davvero importante riscoprirlo perché le sue proprietà nutrizionali sono utilissime. E’ il cereale più energetico, quindi adatto alla colazione, ricco di sali minerali (calcio, magnesio, potassio, silicio e ferro), contiene anche lisina, un aminoacido di cui gli altri cereali sono carenti. Ma una delle sue più importanti proprietà riguardano l’azione benefica sulla colesterolemia e sull’ipertensione: sembra che un consumo regolare possa diminuire la dose di farmaci per il controllo della pressione.

Questa ricetta è adatta ai vegani, intolleranti alle uova, al lattosio o allergici alle proteine del latte. Per quanto riguarda il contenuto in glutine, analisi e studi sono in corso per verificare se possa essere effettivamente inserita nelle diete per celiaci.

A presto! 🙂