Archivi categoria: Dolci dal mondo

CHEESE CAKE

with strawberries and cherries.

P1040849

Nutrition advice at the end of the recipe.

Typical cake from Anglo-Saxon countries, it is now widely known all over the world! It ‘ very good… with the crispy base and the creamy stuffing ūüėČ

There are many versions, I make this, delicate and… depending on your taste you can change the decoration: fruits, chocolate, candies… !

RECIPE

Ingredients for the base:

  • 400g of biscuits
  • 180g of butter

Ingredients for the filling:

  • 200g cream
  • 200g ricotta (cottage cheese)
  • 125g of yoghurt ( white or favorite flavor )
  • 3 egg whites
  • 150g of sugar
  • strawberries and cherries to decorate

Procedure:

Start by preparing the base: preheat the oven to 150 ¬į C, then crumble the biscuits and melt the butter in a double boiler. When the butter is very soft, add the biscuits and mix with your hands until the mixture is homogeneous.

Line the bottom of a cake tin with baker paper and pour the mixture with cookies. Pressed with your hands to level the base. Bake for about 10 minutes.

Now prepare the filling: in a bowl pour the cream, whip it up a few minutes with a whisk until it bicome a bit thick. Now add the yoghurt and ricotta and stir. Add sugar and beaten egg whites and stir.

After 10 minutes in the oven, take out the base and allow it cool. Pour the filling on the base and bake at 150 ¬į C, for about an hour! After this time the edges are slightly coloured. Turn off the oven and, without opening, leave the cake in the oven for another hour.

Bring out the cheese cake and let it cool , prepare the strawberries and cherries (or whatever you prefer) and decorate your cake! Before consuming it leave in the fridge for at least 2 hours (or you can prepare it in the evening and let it cool overnight) .

P1040851

P1040850

Nutritional Tips: this cake can be made ‚Äč‚Äčwith many cheeses, I prefer the ricotta for a some reasons … let’s see the properties of this product! The ricotta cow is today perhaps the noblest of all dairy products: it has quality protein, it is significantly higher in protein than that of theothers ¬†cheese, while the fat content is significantly lower, this may also be included in some low-calorie diets . It is¬†easy to digest and brings calcium and other minerals.

It should not be consumed, however, by those who are lactose intolerant because, unlike aged cheese, ricotta has a fairly high percentage of lactose .

See you soon¬†ūüôā

 

Annunci

CHEESE CAKE

con fragole e ciliegie.

P1040849

Consigli nutrizionali al termine della ricetta.

Dolce tipico dei paesi anglosassoni, ormai √® diffuso e conosciuto in tutto il mondo! E’ buonissimo… con la base croccante e la crema morbida ūüėČ

Ne esistono moltissime versioni, io preparo questa, abbastanza delicata e… a seconda dei gusti si pu√≤ variare la decorazione!

RICETTA

Ingredienti per la base:

  • 400g di biscotti secchi
  • 180g di burro

Ingredienti per la farcia:

  • 200g di panna
  • 200g di ricotta
  • 125g di yogurt (bianco o del gusto preferito)
  • 3 albumi
  • 150g di zucchero
  • fragole e ciliegie per guarnine

Procedimento:

Iniziate preparando la base: preriscaldate il forno a 150¬įC, sbriciolate i biscotti secchi e sciogliete il burro a bagnomaria. Quando il burro sar√† molto morbido aggiungete i biscotti e amalgamate con le mani, fino ad ottenere un composto omogeneo.

Foderate il fondo di una tortiera a cerniera con cartaforno e versate il composto di biscotti. Pressate con le mani per ottenere una base omogenea. Infornate per circa 10 minuti.

Ora preparate la farcia: in una ciotola versate la panna, sbattetela qualche minuto con la frusta finch√© non si addensa un po’. Ora aggiungete lo yoghurt e la ricotta e mescolate. Unite lo zucchero e gli albumi sbattuti e mescolate.

Trascorsi i 10 minuti in forno, tirate fuori la base e lasciatela intiepidire. Versate quindi la farcia e infornate sempre a 150¬įC, per circa un’ora! Trascorso il tempo i bordi si coloreranno leggermente. Spegnete il forno e, senza aprire, lasciate la torta nel forno per un’altra ora.

Tirate fuori la cheese cake e lasciatela raffreddare, preparate le fragole e le ciliegie (o quello che preferite) e decorate la vostra torta! Prima di consumarla lasciatela in frigo per almeno 2 ore (o potete prepararla la sera e lasciarla raffreddare tutta la notte).

P1040851

P1040850

Consigli Nutrizionali: questa torta pu√≤ essere preparata con molti formaggi, io preferisco la ricotta per alcuni motivi… vediamo le propriet√† di questo prodotto! La ricotta di vacca √® forse oggi il pi√Ļ nobile tra tutti i latticini: la qualit√† proteica √® infatti nettamente superiore rispetto a quella dei formaggi, mentre il contenuto lipidico √® notevolmente inferiore, per questo pu√≤ essere inserite anche in alcune diete ipocaloriche. E’¬†quindi un prodotto relativamente povero di calorie, facilmente digeribile e apportatore di¬†preteine ad altissimo valore biologicio,¬†calcio¬†ed altri preziosi minerali.

Non deve essere consumato, però, dai soggetti intolleranti al lattosio dato che,  a differenza dei formaggi stagionati, la ricotta ha una percentuale di lattosio abbastanza elevata.

http://www.my-personaltrainer.it/nutrizione/ricotta.html

A presto ūüôā

 

 

 

 

Kanelsnegle

“chiocciole” danesi alla cannella.

P1040726

P1040725

Consigli nutrizionali al termine della ricetta.

Sono particolarmente affezionata a questi dolcetti! A dir la verit√† sono affezionata a moltissimi dolcetti danesi e ci sar√† spazio per quanti pi√Ļ possibili tra le pagine di questo blog. Sono stata un anno e mezzo in Danimarca, prima con il Progetto Erasmus e poi con il Progetto Leonardo, per completare i miei studi universitari. Questo Paese mi √® rimasto nel cuore; molto diverso dall’Italia, mi ha permesso di conoscere nuove culture e nuove persone, che non dimenticher√≤ mai!

Per quanto riguarda la cucina…b√®…siamo italiani e assai attaccati alle nostre radici e ricette tradizionali. Tuttavia, alcuni piatti danesi sono veramente gustosi, il pesce √® ottimo, il pane √® presente in mille forme e tipi diversi e i dolci… fantastici! Ricchissimi di cannella, zenzero, farine integrali e, ovviamente, burro ūüėČ ma quando si mangia una volta ogni tanto…o si fa per bene o non si fa!

Scopriamo la ricetta!

Preparazione: 10 minuti + 1 ora e mezza di lievitazione РCottura: 20 minuti РDifficoltà: media

Ingredienti (per circa 20 chiocciole):

  • PER L’IMPASTO:
  • 350g farina 00
  • 25g lievito di birra (un cubetto)
  • 150 ml latte
  • 1 uovo
  • 50g burro morbido
  • 50g zucchero di canna
  • bacca di vaniglia
  • 2 cucchiai di cannella in polvere
  • un pizzico di sale
  • PER LA FARCITURA:
  • 125g burro morbido
  • 50g zucchero semolato
  • 75g zucchero di canna
  • 1 cucchiaio di cannella
  • PER LA GLASSA:
  • 200g zucchero a velo
  • 2-3 cucchiai di acqua calda

Preparazione:

Scaldare il latte con la bacca di vaniglia per aromatizzarlo, quindi sciogliervi il cubetto di lievito. In una ciotola setacciare la farina, aggiungere lo zucchero ed il lievito sciolto nel latte. Amalgamare e incorporare l’uovo, il burro, la cannella, il sale. Formare un panetto morbido (se vi si attacca alle mani aggiungete un po’ di farina) e lasciate lievitare al caldo per circa 30 minuti (foto 1).

1
1

Nel frattempo preparate la farcitura: amalgamate il burro con lo zucchero e la cannella, fino ad ottenere una crema. Trascorso il tempo di lievitazione, stendete la pasta col mattarello, ad uno spessore di circa 1/2 cm, spalmate la crema al burro (foto 2) ed arrotolate ottenendo un “salsicciotto”.

2
2

Tagliate le rotelle ad uno spessore di circa 1cm e disponetele su una teglia da forno distanziate (foto 3).

3
3

Lasciate lievitare per altri 30-45 minuti al caldo. Preriscaldate il forno a 180¬įC e, quando le chiocciole saranno raddoppiate di volume, infornate per circa 20 minuti. Il profumo che avvolger√† la cucina sar√† irresistibile ūüėČ

P1040722Potete gustarle cosi…oppure glassarle con la glassa preparata mescolando lo zucchero a velo e l’acqua, fino ad ottenere un composto denso.

P1040723

P1040727

god appetit og … farvel! ūüėČ

Consigli Nutrizionali: Cannella. Le spezie e i semi sono molto presenti nei dolci danesi, ma la cannella √® la padrona! La possiamo trovare in bastoncini o in polvere, ma comunque, la qualit√† pi√Ļ pregiata, deriva dalla corteccia di un arbusto originario dello Sri Lanka (in precedenza Ceylon), che ancora oggi rimane il pi√Ļ importante produttore a livello mondiale.

Un po’ di storia: importata da Marco Polo durante i suoi viaggi in oriente, in Europa la cannella fu, per molti secoli, usata solo per impieghi alimentari: il suo inconfondibile profumo veniva infatti utilizzato per aromatizzare cibi e bevande, e ancora oggi questa droga viene usata soprattutto per i prodotti di pasticceria. Che il profumo inconfondibile fosse la caratteristica principale di questa pianta lo conferma il significato stesso della parola cinnamomo, che deriva dal vocabolo arabo kinnamon: letteralmente ‚Äúodoroso‚ÄĚ. Oggi √® utilizzata in molti ambiti: l’olio essenziale √® indicato per le propriet√† deodoranti e dermopurificanti, sottoforma di collutorio trova impiego anche nelle stomatiti¬† e nelle gengiviti, la ritroviamo nei prodotti fitoterapici riservati a problemi digestivi e malanni influenzali di stagione.

Dal punto di vista bio-attivo, la cannella pu√≤ aiutare ad abbassare la glicemia, contrastare l‚Äôipertensione arteriosa e persino ridurre il peso in eccesso. Inoltre, uno studio britannico ha messo in relazione i benefici di questa spezia con la possibilit√† di tener sotto controllo il diabete di tipo 2. Sfruttiamo allora facilmente le propriet√† ipoglicemizzanti della cannella, usando pi√Ļ spesso questo ingrediente per insaporire le pietanze, unitamente ad una dieta equilibrata, pi√Ļ varia e povera di zuccheri semplici e sale in eccesso.

Fonte: http://salute.leonardo.it/spezie-orientali-la-cannella-molto-piu-che-un-aroma/

Ghoriba…

i pasticcini marocchini, con semola di grano duro.

P1040660

Ho scoperto questi biscotti dal blog Sfizi&Vizi, perché volevo preparare un dolce con la semola di grano duro, che secondo me dà un ottima croccantezza agli impasti.

Sono pasticcini di origine marocchina, simili agli shortbread scozzesi. Vengono preparati con olio di semi, ma qui ho preparato la versione un po’ pi√Ļ…italiana ūüôā con l’olio d’oliva. Sono ottimi! Potrete gustarli a colazione o come un dolce fine pranzo, stupirete i vostri ospiti!

RICETTA

Preparazione: 20 minuti + 1 ora in frigorifero РCottura: 15-20 minuti РDifficoltà: facile

Ingredienti (per circa 30 biscotti):

  • 200g di semola di grano duro
  • 65g di zucchero a velo + 4-5 cucchiai per la copertura
  • 20g di burro
  • 20g olio evo
  • 1 uovo
  • 1/2 cucchiaino di lievito per dolci
  • un pizzico di sale

Preparazione:

Scaldate poco a bagnomaria olio e burro, finché il burro non è morbido. Poi mettete da parte e lasciate intiepidire.

Montate l’uovo con lo zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso (foto 1).

1
1

Aggiungete poi il composto di olio e burro e montate con la frusta ancora un paio di minuti. Aggiungete quindi la farina, il sale ed il lievito (foto 2).

2
2

Lasciate riposare in frigorifero per almeno 1 ora. Trascorso il tempo, preriscaldate il forno a 170¬įC. Formate con le mani delle palline, che farete rotolare in un piatto con lo zucchero a velo. Poi posizionatele, un po’ distanziate, su una teglia da forno (foto 3).

3
3

Cuocete per circa 15 minuti, finché non si formeranno delle crepe sulla superficie dei biscotti.

Lasciate raffreddare e…

P1040657

…gustate ūüėČ

P1040659

Consigli: potete preparare questi pasticcini aggiungendo anche alcuni ingredienti all’impasto, per aromatizzarlo: pistacchi, amaretti, cocco, …

Fate attenzione a non scaldare troppo l’olio ed il burro o addirittura farli sfrigolare! basta un po’ di vapore ed il burro si ammorbidisce.

Consigli Nutrizionali: questi biscotti contengono glutine e derivati del latte. La semola di grano duro dona una consistenza granulosa, che ricorda la farina di mais, ma con alcune proprietà peculiari, scopriamole.

Farina di semola di grano duro:  è caratterizzata da un elevato contenuto in proteine e glutine, mediamente superiore a quello presente nella farina di frumento tenero (quindi una farina dura). Presenta anche un maggior contenuto in ceneri e in luteina, il carotenoide maggiormente presente nel frumento duro.

Abbiamo detto che il contenuto di glutine è importante e questo fatto comporta che per la loro panificazione diventi necessario il ricorso a lievitazioni lunghe con pasta di riporto o lievito madre, in caso contrario si otterrebbero pani poco sviluppati, pesanti e duri.

Confrontando la semola con la farina di grano tenero emerge l’elevato¬†contenuto in proteine ¬†ed in fibra alimentare. Inoltre,¬†√® anche ricca di minerali (potassio, ferro e fosforo) ed vitamine (tiamina e niacina).
Ma torniamo ai carotenoidi, tra tutte le sostanze ad azione
salutistica presenti nel frumento, queste sembrano rivestire un ruolo preventivo nel processo di invecchiamento cellulare e nei riguardi di alcune forme di tumore!
In particolare, va evidenziato come il pane ottenuto da
semola rimacinata di grano duro e biscotti prodotti da rimacinati integrali da grano duro presentano un contenuto in sostanze antiossidanti superiore a quello presente nelle uve rosse, considerato il prodotto di riferimento per la capacità antiossidante!

Curiosate qui per approfondire…

Wow…notevoli propriet√† importanti, forse un po’ sconosciute, ma come diciamo sempre SI IMPARA…MANGIANDO ūüôā

 

 

 

Sacher Torte

Consigli nutrizionali al termine della ricetta.

P1040590

¬ęCio√®, lei praticamente non ha mai assaggiato la Sachertorte?¬Ľ
¬ęNo.¬Ľ
¬ęVa be’. Continuiamo cos√¨. Facciamoci del male!¬†¬Ľ(Nanni Moretti, Bianca)
 

E dopo la torta dietetica alle zucchine…b√©…√® ora di un grande classico: la Sacher Torte.¬†L’invenzione della¬†Sachertorte¬†risale al periodo della¬†Restaurazione, quando alle dipendenze dell’allora Ministro degli esteri austriaco¬†Klemens von Metternich¬†vi era il giovane pasticcere¬†Franz Sacher, il quale amava particolarmente il cioccolato.

Ci sono due ricette ufficiali. Perci√≤ per due volte √® sorta una causa legale tra i negozi viennesi di paste Sacher e Demel per stabilire a chi dei due √® permesso vendere la Sachertorte “originale”.¬†Ancor oggi i segreti della torta Sacher sono gelosamente custoditi dalla pasticceria dell’Hotel Sacher¬†di Vienna, che ne produce artigianalmente oltre 270.000 pezzi all’anno. La¬†Sachertorte¬†originale √® protetta da un marchio di fabbrica e, ad oggi, non esistono al mondo licenze per la rivendita di questo prodotto.

Quindi, visto ci√≤, noi faremo un’ottima torta “tipo Sacher”, sbalordir√† i vostri ospiti ūüôā

RICETTA (grazie a Quokika)

Preparazione: 20 minuti РCottura: 40 minuti circa РDifficoltà: Media/Difficile

Ingredienti:

Per la torta:

  • 150g di burro morbido
  • 150g di farina 00
  • 159g di zucchero
  • 4 uova
  • 100g di cioccolato extra fondente
  • 3 cucchiai di marmellata (albicocche)

Per la glassa:

  • 200g cioccolato extra fondente
  • 200g di zucchero
  • 100g acqua

Preparazione:

In una ciotola sbattete la metà dello zucchero, il burro morbido a pezzetti (foto 1) e poi aggiungere un tuorlo per volta, sempre mescolando.

1
1

Quando otterrete una crema morbida, aggiungete metà della farina setacciata e il cioccolato, precedentemente fuso a bagnomaria e lasciato intiepidire.

Preriscaldate il forno a 180¬įC.

A parte montate a neve fermissima gli albumi, con met√† dello zucchero, aggiungendolo pian piano. Poi unite gli albumi all’impasto (foto 2).

2
2

Mescolate delicatamente dal basso verso l’alto, per non smontare gli albumi (saranno il vostro “lievito”, visto che non ne mettiamo!). A questo punto aggiungete la farina rimasta, sempre mescolando delicatamente. Versate in uno stampo imburrato ed infornate (foto 3).

3
3

Se volete una torta molto alta usate uno stampo pi√Ļ stretto e alto, di quello che ho usato io, se preferite la torta un po’ pi√Ļ bassa, va bene un classico stampo a cerniera (circa 24cm di diametro).

Controllate la torta senza aprire il forno: quando √® cresciuta e comincia a “creparsi in superficie”, terminate la cottura in modalit√† ventilato. Dopo circa 10 minuti controllate l’interno con lo stuzzicadenti e toglietela dal forno. Quando √® fredda, tagliatela a met√† (foto 4) e farcite l’interno con marmellata (la ricetta classica prevede marmellata di albicocche).

4
4

Ricomponete la torta e mettetela su una gratella, sopra un piatto.

P1040585

Prepariamo la glassa: portate ad ebollizione l’acqua con lo zucchero, finch√© lo zucchero non √® completamente sciolto. Nel frattempo avrete fatto sciogliere a bagnomaria il cioccolato. Ora versate lo sciroppo di zucchero sul cioccolato e mescolate velocemente, partendo dal centro. Non vi spaventate se all’inizio sembra tutto separato ed “impazzito”, non perdetevi d’animo e mescolate, otterrete una glassa lucida e compatta!

Ora versatela al centro della torta e lasciate che si espanda e coli dal bordo. Mettete la torta in frigo per circa 10 minuti. Trascorso il tempo riprendete la torta e completate con un secondo strato di glassa, per coprire bene tutta la torta. Con la glassa rimasta, ora, dobbiamo completare con la famosa scritta Sacher! Versate la glassa in una sac √† poche, o in un cono creato con la cartaforno, e sbizzarritevi a decorare la vostra delizia ūüôā

P1040589

P1040588Non sar√† l’originale di Vienna, ma Franz Sacher potrebbe essere soddisfatto!

Consigli Nutrizionali: questo dolce toglie veramente la voglia di “dolce”, alla fine della cena! Sicuramente non √® da mangiare tutti i giorni, ma uno strappo alla regola si pu√≤ fare ūüėČ

Torna sempre, in ogni caso, il discorso sulla qualit√† degli ingredienti, sia per il risultato estetico, che per ci√≤ che poi mangiamo. Abbiamo gi√† parlato di uova e cioccolato fondente, quindi oggi scopriamo un po’ il BURRO: questo ingrediente √® particolarmente usato in pasticceria e nelle regioni in cui l’olio d’oliva non √® (o non era) molto diffuso o facile da reperire (Nord-Europa o anche in alcune regioni d’Italia). E’ un grasso di origine animale, che si ottiene dalla¬†parte grassa del latte, separata dal¬†siero¬†e condensata. Il risultato del procedimento √® un’emulsione, principalmente di¬†acqua, in cui risultano disciolti zuccheri e proteine, nei¬†grassi, nella cui fase fluida cristallizzano in parte. E qui troviamo, quindi, un’importante differenza con gli oli vegetali: questi sono privi di acqua, mentre il burro ne contiene il 15-18%.

√ą un alimento ricco di¬†vitamina A¬†e di¬†sali minerali¬†e, come tutti i grassi animali, ha un elevato contenuto di¬†colesterolo. Per legge il burro deve avere una percentuale di grassi superiore all’80% (eccettuato il¬†burro a ridotto tenore di grassi¬†che ha il 60-62% di grassi e il¬†burro a basso tenore di grassi¬†con il 39-41% di grassi) e acqua non superiore al 16%.¬†Il motivo per cui, quando viene sciolto in padella a calore sostenuto, il burro ordinario sfrigola, √® da ricercarsi proprio nella percentuale di acqua contenuta nel prodotto (l’effetto si produce a causa delle diverse caratteristiche di punto di ebollizione e peso specifico dell’acqua¬†e del¬†grasso). Nello specifico, non √® consigliabile far “friggere” il burro nelle preparazioni, i grassi bruciati non sono mai salutari ed inoltre otterrete la divisione tra parte solida e liquida e l’impasto risulter√† granuloso!

Avendo un’alto contenuto di colesterolo √® dal limitare e da preferire l’olio d’oliva, come condimento a crudo, ma un cucchiaino di burro BUONO a colazione sar√† l’ideale per iniziare la giornata!

Attenzione per le persone con particolari esigenze nutrizionali!