I “rimasugli” diventano una ciambella ricca!

Riciclo goloso di “rimasugli” natalizi.

P1040622

Consigli nutrizionali al termine della ricetta.

Sono sicura che tutti, dopo le vacanze di Natale, hanno almeno un angolino della dispensa con sacchettini e scatoline piene di “rimasugli”. Qualche giorno fa ho deciso di utilizzarli! Avevo ancora della frutta candita e dei biscotti secchi al cioccolato. Tutto ancora buono e sigillato, ma non così friabile come appena sfornato 🙂 e poi alcune mandorle e nocciole “abbandonate” in una ciotola!

Ho preparato una ciambella, senza troppi grassi e zuccheri aggiunti, visto che sia i canditi che i biscotti, parecchia dolcezza ce l’hanno già! Ah…se non vi piacciono i canditi potete anche non aggiungerli alla ricetta, o magari avete o preferite l’uvetta…insomma…la fantasia è sempre il primo ingrediente!

Un’idea chic e speciale per San Valentino? Visto che i biscotti erano fatti a cuore, ne ho lasciati alcuni interi, inseriti nell’impasto appena prima di infornarlo. Al termine della cottura otterrete delle fette “intarsiate” con il cuoricino…molto romantico 🙂

P1040617

RICETTA

Preparazione: 15 minuti – Cottura: 45 minuti – Difficoltà: facile

Ingredienti:

250g di farina autolievitante per dolci (o farina 00 + una bustina di lievito per dolci)
180g di zucchero
8-10 biscotti secchi al cioccolato
30g di mandorle
30g di nocciole
80g di frutta candita
160g di olio evo
3 uova

Preparazione:

In una ciotola lavorate l’olio con lo zucchero, poi aggiungete un uovo alla volta, amalgamando bene (foto 1).

1
1

A questo punto aggiungete gli altri ingredienti: le mandorle e le nocciole tritate finemente, i biscotti sbriciolati, i canditi (io li ho tritati finemente nel mixer) e la farina autolievitante (o la farina e il lievito) setacciata (foto 2).

2
2

Preriscaldate il forno a 170°-180°C. Ungete ed infarinate una tortiera a ciambella, versate l’impasto nella tortiera e, se volete, ora è il momento di inserire i cuoricini interi. Inseriteli con la punta verso l’alto (foto 3), in modo che al momento di togliere la torta dalla teglia risulteranno dritti.

3
3

Infornate e cuocete per circa 40-45 minuti (non aprite il forno per almeno 20 minuti) e controllate sempre la cottura con uno stuzzicadenti.

Lasciate raffreddare la torta prima di tagliarla e…buon appetito!

P1040621

Con questa ricetta partecipo al contest “una tavola senza sprechi” del blog cortesie in cucina.

SONY DSC

Consigli nutrizionali: questa ciambella è davvero molto ricca, con un sapore pieno ed aromatico. Molti sono gli ingredienti utilizzati, ma oggi è il momento di scoprire le virtù dell’olio d’oliva. Ho utilizzato l’olio d’oliva e non il burro sia perché gli ingredienti utilizzati sono già molto “consistenti” e sia perché i biscotti al cioccolato “riciclati” contenevano burro.

L’olio d’oliva è un grasso vegetale, diciamo è il re dei grassi vegetali. E’ tipico della zona mediterranea ed è il condimento da preferire, grazie al suo contenuto di vitamina E di grassi monoinsaturi ed in particolare di acido oleico. Grazie a questa sua particolare composizione in acidi grassi, è uno dei condimenti migliori per tenere sotto controllo i livelli di colesterolo cattivo (LDL) nel sangue. Inoltre, è adatto alle fritture, infatti il suo punto di fumo è 210 °C (per l’olio extra vergine), quindi tra i più stabili.

Quale scegliere? Allora, per oli di oliva si intendono gli oli ottenuti esclusivamente dalle olive, mediante un procedimento di estrazione meccanica. Sarà classificato come extravergine se corrisponderà ad un olio assolutamente perfetto, senza difetti, con un’acidità libera espressa in acido oleico non superiore a 0.8 g per 100 g; gli oli che, invece, presentano piccole imperfezioni di gusto, vengono destinati alla raffinazione e miscelati con una percentuale variabile di extra vergine diventando così olio di oliva (per approfondire).

Per i dolci, spesso è consigliato l’olio di semi, sia perché il risultato è più leggero sia perché è più insapore. Quello che posso consigliarvi è di usare sempre un buon olio d’oliva o un buon olio di semi!! Per quanto riguarda le paste frolle, l’uso dell’olio d’oliva va un po’ a discapito della friabilità, posso consigliarvi di aggiungere un po’ di lievito per dolci se preparate per esempio i biscotti e di non cuocerli troppo a lungo, per non seccarli troppo.

Annunci

Un pensiero su “I “rimasugli” diventano una ciambella ricca!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...