Crostata con la zucca

Consigli nutrizionali alla fine della ricetta.P1040568Ieri ho preparato il risotto con la zucca gialla, ma ne avevo troppa così, un pezzetto, l’ho rimesso in frigo. “Cosa posso preparare con quel pezzo di zucca?”, ho pensato…non bisogna buttare via nulla! A me piace tantissimo la zucca gialla, si presta a tantissime preparazioni e possiede molte qualità nutrizionali! Alla fine ho deciso di fare una pasta frolla alle mandorle, ricoperta con crema di zucca, uvetta e cannella!

Vedrete, i vostri ospiti si leccheranno i baffi, ed è molto azzeccata, se la preparate a fine ottobre, con decorazioni paurose di Halloween, per stupire tutti i bambini!

RICETTA

Preparazione: 30 minuti + il tempo in frigorifero – Cottura: 40 minuti circa – Difficoltà: Media

Ingredienti (per una crostata di circa 24cm di diametro):

Per la frolla:

250g farina 00
50g farina di riso
40g mandorle
120g zucchero di canna
2 tuorli
un pizzico di sale

Per la farcia:

240g zucca gialla
2 albumi
100g zucchero di canna
40g uvetta sultanina
1/2 bicchierino rum o brandy
20g fecola di patate
1 cucchiaino di cannella in polvere
poco olio o burro

Preparazione

Iniziate mettendo a mollo l’uvetta in una tazza d’acqua e il mezzo bicchierino di liquore e tenete da parte.

Tritate molto finemente le mandorle con lo zucchero e tenete da parte. Lavorate velocemente col mixer (o con le mani in una ciotola) la farina con il burro freddo a pezzi (foto 1), fino ad ottenere un composto sabbioso.

1
1

Aggiungete poi lo zucchero con le mandorle ed azionate il mixer ad intervalli per amalgamare bene il tutto. Versate i due tuorli e tenete da parte gli albumi (foto2).

2
2

A questo punto prendete la pasta ed impastate velocemente fino ad ottenere una palla, se necessario aiutatevi con poca acqua fredda (foto 3). Poi avvolgete con la pellicola e tenete in frigorifero per almeno 30 minuti.

3
3

Iniziamo ora a preparare la farcia: fate ammorbidire la zucca in padella, con poco olio o burro, a fuoco basso.

La crema la prepariamo con solo le chiare d’uovo perché sono avanzate dalla preparazione della frolla!

Sbattete energicamente le chiare con lo zucchero. Aggiungete la cannella (se vi piace), l’uvetta scolata e strizzata e amalgamate. Quando la zucca è morbida, frullatela col mixer e lasciatela raffreddare, quindi aggiungetela al composto preparato. A questo punto potete setacciare la fecola e mescolate. Otterrete un composto denso (foto 4). Preriscaldate il forno a 170°C, modalità ventilato.

4
4

Ora tirate fuori dal frigo la frolla alle mandorle e stendetela in una teglia, meglio se a cerniera e rimettetela in frigo, intanto che il forno arriva a temperatura. Tenete da parte poca frolla per tagliare con gli stampini le decorazioni per la vostra crostata. Io ho preparato dei cuoricini!

Bucate con i rebbi di una forchetta la base subito prima di infornarla e lasciatela in forno per 5-7 minuti. Trascorso il tempo, tiratela fuori dal forno e versate la farcia preparata sulla base e terminate con la decorazione (foto 5).

5
5

Infornate per circa 35-40 minuti, sempre in modalità ventilato. Se si dovesse colorare troppo in superficie, abbassate la crostata nella parte inferiore del forno. Quando è pronta, tiratela fuori e lasciatela raffreddare prima di tagliarla!

P1040567

Et voilà!

P1040568

Con questa ricetta partecipo alla raccolta de L’alveare delle delizie.

Consigli Nutrizionali: la zucca gialla è un alimento molto versatile, che si presta a preparazioni salate e dolci.

L’origine è controversa e un po’ incerta. Pensate che quest’ortaggio era conosciuto e coltivato, in varietà diverse, dai popoli più antichi, tra cui gli Egizi, i Romani, gli Arabi e i Greci. La sua coltivazione non era solo scopo alimentare, pensate che gli antichi Romani una volta svuotata la polpa e fatta essiccare la zucca la utilizzavano come contenitore per il sale, latte o cereali o addirittura né ricavavano piatti, ciotole, cucchiai e i più fantasiosi né ricavarono persino uno strumento musicale, le maracas sudamericane.
La zucca fu conosciuta dagli europei solo dopo la conquista delle Americhe quando Cristoforo Colombo portò in Italia diverse varietà di zucca; né arrivano varietà più disparate e di tutti i tipi: bislunga o rotonda, grande o piccola, verde, gialla, striata, rossa. Come molti alimenti, tuttavia, non fu usata a scopo alimentare, finché non si arrivò a periodi di carestia e difficoltà…e diciamo che è stata un’ottima scoperta!

Dal punto di vista nutrizionale, è un alimento ipocalorico grazie alla alla presenza al suo interno di un’alta concentrazione di acqua (94%) e una bassissima percentuale di lipidi e proteine. Le zucche sono facilmente digeribili e adatte anche ai soggetti diabetici diabetici. E’ particolarmente ricca di caroteni e vitamina A, contiene discrete quantità di minerali (soprattutto fosforopotassio e magnesio), vitamina C e vitamine del gruppo B. Come abbiamo già visto quando abbiamo parlato di carote, proprio l’elevata presenza di carotenoidi rende la zucca un alimento efficace per prevenire le forme tumorali. Allo stesso tempo, questa abbondanza di vitamina A può stimolare l’abbronzatura. Il betacarotene, contenuto nei vegetali si trasforma in vitamina A solo se serve, se se ne assume troppo, si accumula a livello dei tessuti, per esempio della pelle, causando una colorazione gialla, quindi non esagerate!

Si riconoscono alla zucca qualità calmanti per chi soffre di problemi nervosi, proprietà digestive, rinfrescantilassative e diuretiche. I semi di zucca contengono un amminoacido, la cucurbitina che paralizza la tenia e scaccia gli parassiti intestinali.

La zucca è gialla (alcune verdi), risulta estremamente ricca di β–carotene e, nonostante venga persa con la cottura, anche la vit. C è presente in buone quantità; dal punto di vista minerale, la zucca è ricca di potassio, aspetto che (nei luoghi di più ampio consumo) la rende inadatta all’alimentazione in alcune forme di insufficienza renale.
Potrebbe interessarti:http://www.my-personaltrainer.it/tabelle-nutrizionali/ZUCCA-GIALLA.htm

Annunci

2 pensieri su “Crostata con la zucca”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...